I NUOVI TIGROTTI. ANTONINO CASCIONE
04/08/2016


FIUMALBO (Modena) - Antonino Cascione, promettente portiere palermitano classe 1998 sarà uno dei due nuovi numeri uno della Correggese.

Cresciuto nel settore giovanile del Palermo dove ha lavorato con preparatori dei portieri del calibro di Zangara e Marotta, Cascione ha proseguito il suo percorso formativo in Eccellenza, al Ribera, dove è stato premiato come miglior giovane della categoria partecipando al massimo campionato regionale da sotto età. L’anno passato, Cascione ha iniziato con il Trapani prima di accasarsi alla Fermana.

Negli ultimi due anni l'estremo difensore siciliano, ha vestito la maglia azzurra dell’Under 17 di Gentilini e l’Under 18 di Statuto, una nuova conferma che la Correggese fa sul serio.

Nel ritiro di Fiumalbo, Antonio Cascione concede l'intervista a Correggese Channel.

Cascione ci racconta un po' di lei?
Sono palermitano e alle mie origini ci tengo tantissimo. Sono fidanzato da oltre un anno con Anna che vive a Palermo, sto vivendo un rapporto a distanza che mi sta mettendo a dura prova perchè ne sento molto la mancanza, ma la distanza a volte permette di misurare l'amore.

Come ha inziato a giocare a calcio e perchè in porta?
Confesso che a me in giovanissima età il calcio non ha mai entusiasmato, mi ci sono avvicinato solo dopo aver visto i mondiali del 2006 che mi hanno esaltato davvero ed ho voluto provare. La scelta di giocare in porta è dovuta al fatto che anni fa mi consideravo un "pigro" e stando in porta pensavo che avrei fatto meno fatica perchè non si sarebbe dovuto correre.

La prima squadra è un po' come il primo amore. Quale è stata la sua?
La Alberto Amedeo, una squadra dell'hinterland palermitano che aveva una buona scuola calcio.

Dopo quasi due settimane a Correggio, quali sono le sue impressioni sulla società e l'ambiente?
Sull'ambiente devo dire che un pochino già lo conoscevo, ho una zia che abita a Reggio Emilia e la realtà emiliana non mi è del tutto sconosciuta; bella gente, cordiale e brava in cucina.
Per quanto riguarda la società vedo la Correggese una realtà dove si potrà lavorare bene ed in serenità.

Le sue esperienze calcistiche sono state sempre lontane dall'Emilia, però non ha esitato ad accettare la proposta di mister Lazzaretti. Quali sono stati i motivi?
Ho sempre sentito parlare bene di questa squadra e di questa dirigenza e già dai primi giorni ne ho avuto conferma.
L'ex Correggese Riccardo Pellitteri portiere palermitano come me ed amico di vecchia data, mi ha parlato positivamente di Correggio e della Correggese e quindi: eccomi qui.

Per un ragazzo di quasi 18anni quali potrebbero essere le cose positive e quelle negative per una esperienza così lontano da casa?
Penso che sia solo l'abituarsi al nuovo ambiente. Questa per me è la quarta esperienza lontano dalla famiglia, ma la prima con oltre 1000 km di distanza. Dipende poi come la vivi e come sei di carattere. Io non sono troppo legato a casa, inteso come "nido", quindi non la affronto negativamente, penso solo che questa è una grande opportunità per la mia carriera e per la mia crescita.

Il presidente ha costruito una squadra per un campionato di vertice. Cosa ne trae da questo alla sua prima esperienza? Esaltazione o anche un pizzico di timore?

Quel pizzico di timore lo devi avere sempre, ti aiuta a stare concentrato nel pre-partita, poi quando ti metti tra i pali svanisce tutto. La responsabilità della squadra per il ruolo che ricopro è quello che mi fa vivere momenti di adrenalina pura.

Qual è secondo lei l’aspetto più complicato nel passaggio dalle giovanili al calcio “dei grandi”?
Soprattutto il ritmo e la mentalità matura dei giocatori con i quali puoi confrontarti e che ti aiutano a crescere alla svelta. Io sono uscito dal Palermo che ero il portiere della squadra Allievi e mi sono trovato subito a giocare in Eccellenza con i "grandi", ho fatto venti presenze ma nelle prime confesso di averne pagato lo scotto.

In che senso?

I giocatori con esperienza ti dimostrano tutta la loro furbizia e la loro malizia, individuano all'istante il tuo punto debole e ti mettono duramente alla prova. Poi le pressioni. Nel settore giovanile non le hai, ma appena entri nel calcio delle prime squadre hai subito a che fare con questo, diventa un lavoro sotto tutti gli effetti.
La mia esperienza a Ribera dove la tifoseria è abbastanza calda, le pressioni le ho sentite eccome, è stato comunque un modo per crescere.

Parliamo di lei fuori dal campo. Cosa fa nel tempo libero?
Di tempo libero quest'anno ne avrò ben poco, devo frequentare il quinto anno di Liceo Psicopedagogico per poter conseguire la maturità a Luglio del 2017 . Andrò a scuola a Reggio Emilia.

Cosa si aspetta da questa opportunità che le ha offerto la Correggese?
Spero di crescere sia come uomo che come portiere. Vorrei che questo sia l'anno che mi possa mettere all'attenzione del calcio professionistico.
 


La news č stata vista 2273 volte

Notizia precedente:
MERCOLEDI' 10 AGOSTO: CORREGGESE-REGGIANA
Notizia successiva:
SABATO 6 AMICHEVOLE CON IL PRATO
 
CORREGGESE – MEZZOLARA RINVIATA AL 4 NOVEM
CORREGGIO, 23 ottobre 2020. Preso atto delle disposizioni dell’Asl competente della quarantena della Correggese, è stato disposto che la sfida Correggese – Mezzolara, gara valida per la 4^ giornata d...
RINVIATO IL DERBY DELLA JUNIORES NAZIONALE
CORREGGIO, 23 ottobre 2020. Nella giornata di oggi il Dipartimento Interregionale in seguito a una richiesta inoltrata dalla Correggese, dopo aver preso atto della documentazione allegata proveniente Servizio Sanitario...
RINVIATO IL DERBY BAGNOLESE - CORREGGESE
CORREGGIO, 22 ottobre 2020. Nella serata di ieri il Dipartimento Interregionale in seguito a una richiesta inoltrata dalla Correggese, dopo aver preso atto della documentazione allegata proveniente Servizio Sanitario Reg...
L’ESITO DEL TAMPONE DEL MEMBRO DEL GRUPPO
Nella giornata di venerdì 16 ottobre un membro del gruppo squadra della Correggese che si trovava già in isolamento volontario è stato sottoposto a un primo tampone anti Covid-19, evento questo che a...
Altre news - Settore giovanile
   
Main Sponsor
S.S.D. CORREGGESE CALCIO 1948 arl: Via Fazzano, 4 - 42015 Correggio RE - TEL 0522.692265 - FAX 0522 642286 - P.Iva 01397880350
STADIO Comunale "Nuovo Stadio Walter Borelli" Via Fazzano, 4 - 42015 Correggio RE correggese@correggese.it
Sito internet by www.globe.st