INTERVISTA A LAZZINI NUOVO TECNICO DELLA CORREGGESE
28/06/2015


CORREGGIO (Reggio Emilia) - Giacomo Lazzini è il nuovo allenatore della Correggese. Un tecnico con un curriculum di tutto rispetto per dare il via al nuovo corso dei biancorossi e con questa scelta patron Lazzaretti mette a tacere tutte le voci che lo davano in pieno smantellamento.

Mister Lazzini, carrarese classe 1967, dopo una carriera di calciatore che trova la sua massima espressione nel Messina nel quale milita in campionato di serie B ad inizio anni 90, siede per la prima volta su una panchina a Sarzana per poi allenare il Castelfranco, il Rosignano e il Ponsacco con il quale con 91 gare consecutive senza sconfitte tra Terza e Seconda categoria, Eccellenza e Serie D straccia niente di meno il record che Fabio Capello con 59 vittorie consecutive sulla panchina del Milan conquistò tra il 1991 e il 1993.

Nei giorni scorsi il nuovo allenatore delle "Tigri" è venuto a Correggio per conoscere la città, vedere lo stadio Borelli e intrettenersi con il Presidente Lazzaretti, i direttori sportivi Marco Bellocchi e Dimes Righi per gettare le prime basi sulla Correggese targata 2015/2016.

Ne abbiamo approfittato per conoscere più da vicino Giacomo Lazzini.

Buongiorno mister e benvenuto a Correggio, si presenti ai suoi nuovi tifosi.
Sono una persona che senza un campo da calcio è un uomo finito. Ho inizito le mie prime esperienze con il Modena dove ho fatto tutta le trafila delle squadre giovanili, poi sono stato alla Mirandolese in D per poi giocare diverse stagioni tra i professionisti con le maglie di Carrerese, Empoli, Alessandria, Massese, Catanzaro, Messina. Poi, appese le scarpette al chiodo, sono tornato nella mia Carrara dove ho messo famiglia ed ho cominciato ad allenare.

E come allenatore si presenta con un curriculum che invidiano molti suoi colleghi.
Due buone stagioni a Castelfranco di Sotto (Pisa), a Rosignano dove abbiamo vinto due campionati tra Promozione e Eccellenza e un sesto posto nella prima esperienza in serie D, poi Sarzana e Lucca dove abbiamo vinto il campionato di Eccellenza. Infine nel Ponsacco che mi ha portato alla ribalta con il record delle 91 partite vinte consecutivamente.

Cinque campionati vinti in cinque anni quindi?
Sì, ai quali aggiungerei la finale di Coppa Italia persa con il Campobasso e il terzo posto lo scorso anno alle spalle di Siena e Poggibonsi.

Come è avvenuto il primo contatto con la Correggese?
E' stata una sorpresa anche per me, sabato scorso sono stato contattato e domenica ho raggiunto l'accordo, il progetto mi è piaciuto subito ed ho accettato senza pensarci troppo.

C'erano stati campanelli che l'hanno portata a pensare ad un suo interessamento della Correggese prima di sabato?
Nel calcio dilettantistico contano molto i tuoi estimatori e le tue conoscenze, probabilmente qualcuno di questi ha proposto al presidente il mio nome, ma prima di sabato proprio non me lo sarei aspettato. Correggio comunque era una delle piazze che stavo monitorando perchè so che qui si può fare calcio in un certo modo, il fatto che sia stato contattato dalla dirigenzza biancorossa mi rende molto orgoglioso e mi riversa tutto l'entusiasmo ncessario per poter iniziare al meglio.

Qual'è il suo stato animo alla vigilia di una stagione così importante?

Una situazione molto stimolante e non vedo l'ora di iniziare. Ci sarà da fare un lavoro da zero perchè molti dei giocatori della Correggese della scorsa stagione non ne faranno più parte.

Che impressione le ha fatto il presidente Lazzaretti?

Ho visto una persona molto carica e desiderosa di fare un campionato di vertice.

Archiviata la doppia stagione della "Correggese dei miracoli", inizia un nuovo ciclo con lei come tecnico. La tifoseria di Correggio ha più volte manifestato tutta la propria esigenza in fatto di risultati: questa cosa le mette uno stimolo in più o la preoccupa?
Chi vuole fare questo mestiere sa quello a cui andrà incontro. Non c'è una piazza dove se non consegui risultati ti applaudono. Chiaro che qui si è abituati bene e farò del mio meglio per accontentarli proseguendo il trend positivo anche con la mia gestione.

Come giocano le squadre di Giacomo Lazzini?
A me piace il calcio ben giocato. Da giocatore ricoprivo il ruolo di mezzapunta e quindi ritengo di avere una mentalità propositiva piuttosto che difensivistica. Le mie squadre hanno sempre segnato molto.

Anche se a volte bisogna essere duttili a seconda dei casi, concorda?
Sì. Duttili e svegli mentalmente: sempre propositivi.

Come vede la regola delle quote?
(Quest'anno sarà obligatorio schierare in campo un '97, due '96 e un '95 . n.d.r.)
Sono delle regole che non dovrebbero esistere. Anche se un giovane è bravo gioca comunque, poi valutiamo bene la cosa: secondo voi un ragazzo nato nel '94 per queste regole è vecchio e quindi penalizzato nella sua carriera. Secondo me così si penalizzano i giovani anzichè dar loro una mano.

Dove collocherebbe nel suo schieramento i giovani nelle quote?
Io preferisco un giocatore di esperienza in mezzo al campo piuttosto che tra i pali, sempre che il portiere giovane sia abile e sveglio.
Chiaro però che se hai una squadra che deve salvarsi le tue filosofie possono cambiare rispetto ad una rosa composta da giocatori forti.

Già progammato il ritiro? Può anticipare qualcosa ai tifosi?
Non posso ancora dire nulla. Io preferisco iniziare presto e lavorare con più tranquillità nel creare il gruppo giusto sia fuori che dentro al campo.

Ora si concederà un po' di vacanza prima della sua nuova avventura?
Ho la fortuna di abitare in un posto di mare, quando non siedo su una panchina sono automaticamente in ferie.

Chi è Giacomo Lazzini fuori dal campo?
Convivo con la mia compagna Laura con la quale ho avuto Alice che a Settembre compierà cinque anni: un quadretto familiare che mi rende molto felice. Verrò a Correggio da solo perchè Laura lavora, ma ho una base d'appoggio comunque importante nelle vicinane perchè la sorella della mia compagna vive a Poviglio.

Allora in "bocca al lupo" mister Lazzini.
Grazie e... "crepi il lupo".




 


La news č stata vista 2902 volte

Notizia precedente:
IL BORELLI SI RIFA' IL LOOK
Notizia successiva:
APERTE LE ISCRIZIONI PER LA SCUOLA CALCIO
 
RIPRESA DEL CAMPIONATO FISSATA PER IL 6 DI
CORREGGIO, 21 novembre 2020. Il Dipartimento Interregionale, salvo ulteriori e diversi provvedimenti che dovessero rendersi necessari, ha fissato la data del 6 dicembre per la ripresa regolare del Campionato co...
JUNIORES NAZIONALE, PROROGATA AL 5 DICEMBR
CORREGGIO, 19 novembre 2020. Il Dipartimento Interregionale ha comunicato che la sospensione del Campionato Nazionale Juniores Under 19 2020/2021, così come previsto dal C.U. n. 12 del 29/10/2020, viene prorogata ...
NUOVO CASO DI POSITIVITA’ NEL GRUPPO SQUAD
CORREGGIO, 17 novembre 2020. Slitta ancora in avanti in ritorno in campo della Correggese a causa della positività al Covid-19 di un membro del gruppo squadra. I biancorossi sarebbero dovuti scendere in campo dome...
RINVIATE LE SFIDE CON LA BAGNOLESE E IL PR
CORREGGIO, 11 novembre 2020. Delle tre partite di recupero che la Correggese avrebbe dovuto disputare in questo mese di novembre al momento ne è stata inserita in calendario solo una. Il Dipartimento Interregional...
Altre news - Settore giovanile
   
Main Sponsor
S.S.D. CORREGGESE CALCIO 1948 arl: Via Fazzano, 4 - 42015 Correggio RE - TEL 0522.692265 - FAX 0522 642286 - P.Iva 01397880350
STADIO Comunale "Nuovo Stadio Walter Borelli" Via Fazzano, 4 - 42015 Correggio RE correggese@correggese.it
Sito internet by www.globe.st