Contatti: correggese@correggese.it (segreteria) - media@correggese.it (uff.stampa) - biglietteria@correggese.it (accrediti)
GRANDOLFO: A CORREGGIO LA MIA SECONDA VITA
16/01/2015


CORREGGIO (Reggio Emilia) - Francesco Grandolfo, dopo un inizio folgorante della carriera in serie A, approda alla Correggese il 2 Agosto 2014 alla vigilia della prima amichevole estiva contro il Pisa.

Il curriculum di Francesco Grandolfo è tale da fare invidia a molti suoi colleghi: salito alla ribalta delle cronache per la tripletta realizzata al Bologna alla sua prima partita da titolare nella massima categoria: era il quel 22 maggio 2011. Da quel giorno Grandolfo fu subito predestinato ad una fulgida carriera ricalcando le orme dei suoi prestigiosi conterranei come Nicola Ventola ed Antonio Cassano.
Qualcosa però nella carriera di Francesco Grandolfo si inceppa: dopo aver mosso i primi calcistici nella Pro Inter (la stessa società che ha plasmato Antonio Cassano) passa nelle giovanili del Bari. Nel 2011 i pugliesi si trovano nella parte più bassa della classifica della serie A e, a retrocessione già matematica, il giovane Grandolfo viene gettato nella mischia da mister Bortolo Mutti subentrato all’esonerato Giampiero Ventura. L’esordio assoluto in Serie A è datato 7 maggio 2011 (Palermo-Bari 2-1), poi un altro spezzone di gara ed infine la partita della vita, nella quale il Francesco Grandolfo realizza una bella tripletta al Dall’Ara di Bologna, riuscendo ad entrare nella storia del Bari come il primo giocatore dei pugliesi a siglare una tripletta in trasferta in Serie A. 

Messosi in mostra, il Chievo Verona gli offre la possibilità di restare nella massima serie, ma fino ad Aprile del 2012 quando Di Carlo lo inserisce in campo durante un Chievo-Udinese: per l'attaccante bareserimangono poi tante presenze nella squadra Primavera. Ritrona a Bari dove mister Torrente lo utilizza pochissimo costringendo la società a farlo maturare sul campo con la maglia del Tritium dove ottiene la salvezza, ma la squadra di Trezzo D'Adda non si iscrive al campionato l'anno successivo e Grandolfo sbarca a Savona per un altro anno amaro in LegaPro dettato da un infortunio che gli consente di giocare solamante 6 gare.
Arriva a Correggio ad Agosto con tanta voglia di dimostrare che il suo valore è ancora alto.
 
Grandolfo, ci racconti quell'emozione dell'esordio in serie A e di quella famosa partita ad Dall'Ara.
E' stata un'emozione bellissima che in pochi possono raccontare: avevo solo 18 anni e un esordio così, con gol, non è una cosa che capita tutti i giorni. Oltrettutto il valore aggiunto è stato il fatto di giocare con la squadra della mia città, Bari, squadra in cui sono cresciuto e che mi ha formato.
 
In alcune sue dichiarazioni recenti, a Sky confida che quel giorno le ha cambiato la vita.
Per tanti aspetti, a dire la verità: tutti si ricordano di me per quell'esordio, quindi sarà qualcosa che, nel bene e nel male, mi porterò dentro per tutta la vita. E' stato un evento eccezionale che per forza va ricordato.
 
Parlando di tempi più recenti, cosa l'ha spinta ad arrivare a Correggio?
Sono arrivato tramite una vecchia conoscenza dell'ex diesse Lancetti: conosceva Luciano Foschi, con cui avevo lavorato quando ero al Chievo. Foschi gli ha parlato di me la scorsa estate, perchè ero in difficoltà e non riuscivo a trovare squadra, così mi ha fatto venire in prova e poi sono rimasto.
 
Come si trova qui?
Mi trovo benissimo, l'ambiente è ottimo per un ragazzo come me che vuole ripartire e fare bene. Qui ci sono tutti i presupporti per farlo.
 
Cosa chiede al suo destino come calciatore?
Il mio obiettivo è di riuscire a tornare più in alto possibile: ci sono passato, e mi piacerebbe tornarci. Io ce la metto tutta, poi quello che il destino mi riserva non lo posso sapere. 
 
E come uomo?
Spero di realizzare i miei sogni, perchè penso di essere una persona che si è sempre impegnata. Sono un ragazzo tranquillo e leale, ho sempre fatto sacrifici per questo sogno quindi spero di riuscire a raggiungere i miei obiettivi.
 
Le manca la sua Puglia?
In realtà mi manca la mia famiglia: mi piace tornare ogni tanto, per i miei fratelli e i miei genitori. I miei amici e la mia ragazza vivono fuori dalla Puglia, quindi giro abbastanza e quando torno in Puglia è solo per stare con i miei familiari.
 
Siete una famiglia molto unita, quindi.
Sì, siamo molto legati. Penso che alla base di tutto ci debba essere un forte legame, perchè quando c'è quello c'è poi una solida base su cui costruire tutto il resto. Loro sono la mia forza, e sono felice di questo aspetto fondamentale della mia vita.
 
Ad ogni suo gol un'esultanza dedicata a qualcuno di speciale in tribuna?
Di solito li dedico a chi viene a vedermi: la mia ragazza, i miei amici, qualcuno della mia famiglia. Ma ogni mio gol, in particolare, è dedicato a mio zio, che è mancato  cinque anni fa e che per me era come un secondo padre: gli ero molto legato, mi aveva sempre seguito anche nell'aspetto calcistico per cui per ogni rete c'è un pensiero speciale per lui.
 
Un sogno ad occhi aperti: da chi vorrebbe ricevere un passaggio da tramutare in gol?
Una volta avrei risposto Cassano, perchè è barese come me, ma andrebbe bene qualsiasi giocatroe che gioca in serie A, perchè vorrebbe dire che ci sono anche io! Non ho un idolo in particolare, mi piace guardare tutti i grandi giocatori e cercare di capire il loro lato più forte e prendere esempio.
 
Francesco Grandolfo a Correggio ha trovato la sua seconda giovinezza calcistica anche se ha soli 22 anni il tempo è ampiamente dalla sua parte e chissà che non lo rivedremo presto ancora in Serie A.
 
Guarda qui le immagini più belle di Francesco Grandolfo con la maglia della Correggese.

La news stata vista 3724 volte

Notizia precedente:
LA CORREGGESE TESSERA NICO PATERNI
Notizia successiva:
CORREGGESE-FORMIGINE, ARBITRA ACHILLE SIMIELE
 
MESSORI IN BIANCOROSSO
CORREGGIO, 20 agosto 2019. Gli uffici preposti del Dipartimento Interregionale hanno formalizzato nella giornata di quest’oggi il tesseramento da parte della Correggese del forte giovane calciatore Pietro Messori. ...
AL VIA LA CAMPAGNA ABBONAMENTI
CORREGGIO, 19 agosto 2019. Da martedì 20 agosto saranno a disposizione dei tifosi della Correggese Calcio gli abbonamenti per il Campionato di Serie D  2019/20. La società biancorossa, dopo l’...
LA CORREGGESE ESCE DALLA COPPA ITALIA
CORREGGIO, 18 agosto 2019. La Correggese perde a domicilio per due a reti a zero contro un buon Lentigione nel turno preliminare di Coppa Italia ed esce dalla manifestazione. Il primo tempo è equilibrato con vari...
COPPA ITALIA: CORREGGESE VS. LENTIGIONE
CORREGGIO, 17 agosto 2019. La Correggese si appresta a scendere in campo per la prima gara ufficiale della Stagione 2019/20 nel turno preliminare di Coppa Italia Dilettanti Serie D che, presso lo Stadio Borelli di Correg...
Altre news - Settore giovanile
   
Main Sponsor

S.S.D. CORREGGESE CALCIO 1948 arl: Via Fazzano, 4 - 42015 Correggio RE - TEL 0522.692265 - FAX 0522 642286 - P.Iva 01397880350
STADIO Comunale "Nuovo Stadio Walter Borelli" Via Fazzano, 4 - 42015 Correggio RE correggese@correggese.it
Sito internet by www.globe.st